Cronaca dei Carabinieri su Bari , Martina Franca (TA) e Castellana Grotte

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Martina Franca hanno arrestato, in flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, un  43enne del posto, pregiudicato.

I militari, nell’ambito delle attività finalizzate a prevenire e reprimere lo spaccio ed il consumo di stupefacenti, avendo appreso che il soggetto era dedito all’attività di spaccio, hanno deciso di effettuare un servizio di osservazione e pedinamento dell’uomo, che ha consentito di sorprenderlo mentre prelevava un contenitore da un muretto a secco sito in località sp. 51 lamia vecchia in agro di Martina Franca.

Immediatamente bloccato, i Carabinieri accertavano che all’interno dell’involucro erano occultati gr 5,7 di cocaina, gr.6 di hashish, gr. 9 di sostanza da taglio e  un bilancino di precisione.
Il 43enne, condotto in caserma, veniva arrestato per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio e, terminate le formalità di rito, su disposizione dell’A.G., sottoposto agli arresti domiciliari.

Lo stupefacente sequestrato sarà inviato al Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Taranto per le analisi quali-quantitative.

////////////////////////////////////////////////////////////////////

I Carabinieri della Stazione di Castellana Grotte hanno arrestato in flagranza di reato un diciottenne, per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.  Il ragazzo, che da un po’ di tempo era finito sotto la lente d’ingrandimento dei militari  della locale Stazione CC., è stato fermato per le vie del centro storico di Castellana Grotte, mentre si aggirava a bordo di un’auto  presa in prestito da un amico. L’atteggiamento sospetto ha indotto i militari ad eseguire una perquisizione sull’autovettura e, sotto il sedile,  è stato trovato un involucro in cellophane contenente 50 gr. di marijuana, pronta alla vendita. Insospettiti che quella fosse solo una piccola parte di sostanza stupefacente nella disponibilità del giovane,  i militari hanno esteso la perquisizione  anche presso la sua abitazione, dove, nel garage, sotto una botola in cemento, sono stati trovati altri 600 gr. di marijuana.
Per il 18enne sono così scattate le manette e su disposizione della competente A.G. è stato sottoposto agli arresti domiciliari e sarà processato nei prossimi giorni per direttissima presso il Tribunale di Bari.

/////////////////////////////////////////////////////////////////////

Il quartiere Japigia di Bari è da tempo oggetto di controllo da parte delle Forze dell’Ordine e l’altra sera i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Bari Centro, nel corso di una perquisizione, hanno rinvenuto e sottoposto a quasi 200 mila euro in contanti, riconducibili a due incensurati, un 34enne ed ad una 55enne, rispettivamente genero e cognata di un esponente della criminalità organizzata del quartiere Japigia.

La perquisizione è scattata nelle ore serali, allorquando il 34enne, sfrecciando a tutta velocità a bordo del proprio motociclo per le vie del predetto quartiere, una volta giunto nei pressi dell’abitazione della zia, in Via Caduti Partigiani, si è immediatamente precipitato all’interno dell’appartamento.

I Carabinieri, insospettiti da tale atteggiamento, hanno fatto accesso nella predetta abitazione ed hanno sottoposto a controllo il ragazzo, il quale aveva occultato, nel proprio zainetto, la somma di 2.950,00 euro in contanti.

Pertanto, la perquisizione veniva estesa all’intero immobile e, grazie all’acume investigativo dei militari, è stato possibile recuperare in diversi punti, ben occultati, della camera da letto, tra cui all’interno di un materasso, la somma contante di quasi 200 mila euro, suddivisa in mazzette imballate da 10 mila euro cadauna.

Un bottino, dunque, di cui non è stata data alcuna giustificazione e per il quale, il 34enne e  sua zia, la 55enne proprietaria dell’abitazione, sono stati deferiti alla competente A.G. per il reato di riciclaggio. Sono in corso ulteriori accertamenti da parte dei Carabinieri per risalire alla provenienza dell’ingente somma ed a verificare se ci siano altri soggetti a vario titolo coinvolti nella vicenda.

//////////////////////////////////////////////////////////////