Manovra, Moscovici: ‘Accordo possibile, la porta resta aperta’

“La nostra porta resta aperta e sono convinto che potremo trovare un accordo su soluzioni condivise nell’interesse degli italiani e della zona euro. E’ un percorso impegnativo ma praticabile e io ci voglio credere”. E’ quanto scrive oggi sul suo blog il commissario Ue Pierre Moscovici. “Il nostro fine non è quello di sanzionare le autorità italiane, nè di interferire negli affari interni del Paese”, scrive Moscovici. “E’ nell’interesse di tutti continuare a dialogare e andare avanti nella ricerca di soluzioni comuni”.

“Le misure partiranno nei tempi previsti, quota 100 partirà nei primi mesi del 2019 insieme al reddito di cittadinanza e significa dare alle imprese la manodopera qualificata che aumenterà gli investimenti”. Lo afferma il vicepremier Luigi Di Maio, aggiungendo che “noi dobbiamo provare un dialogo a oltranza con tutti i commissari europei, con la commissione per spiegare la bontà di queste misure ma soprattutto per spiegare che la manovra può migliorare sopratutto nel taglio agli sprechi”, aggiunge Di Maio.

“Di tagli ne possiamo fare di più, perché non abbiamo completato in 5 mesi di governo tutte le istruttorie che servivano per tagliarli tutti”, spiega di Maio arrivando al Wow business summit di Samsung a Milano. La manovra “può migliorare per quanto riguarda la dismissione di immobili inutili: questo è un Paese che ha accumulato un patrimonio pubblico di immobili, asset secondari che si possono vendere. Può migliorare – aggiunge il vicepremier – rafforzando l’impegno sul 2,4 per cento di deficit che abbiamo preso: si parte col 2,4 e si arriva al 2,4. Capisco che la Commissione europea ha paura che questo governo si possa comportare come governi precedenti, cioè con la truffa dei numeri. I governi precedenti dicevano facciamo solo 1,8% di deficit all’inizio dell’anno e poi alla fine arrivava altro deficit, il che significa indebitare ulteriormente il Paese”, conclude Di Maio rispondendo ai giornalisti.

“Quando dico che i mercati capiranno non dico che dovranno farsene una ragione – ha detto ancora Di Maio -, dico che questi sono stati giorni di tensione con Bruxelles, stava per arrivare la procedura di infrazione, sono giorni in cui la manovra è ancora in discussione quindi si può avere il timore che possa partire un emendamento in aula che possa peggiorarla”. , aggiungendo che “quando la manovra sarà approvata definitivamente entro fine anno e si vedranno le nuove misure tutti capiranno”.

“In quegli anni il tema di Berlusconi è che aveva perso qualsiasi credibilità: certo mi fa riflettere il fatto che un partito, Forza Italia, che è stato buttato giù dallo spread oggi tifi spread”, ha detto poi Di Maio rispondendo a una domanda sull’ipotesi che non tema che l’attuale governo possa avere il destino dell’ultimo di quelli guidati dal leader di Forza Italia e aprire le porte a un ‘nuovo Monti’. “Ho visto anche gli interventi in aula in questi giorni dei capigruppo dell’opposizione che stanno lì a dirci che dobbiamo semplicemente ripiegare e tornare indietro”, aggiunge Di Maio spiegando che quando la manovra sarà approvata definitivamente i mercati capiranno “che non stiamo sprecando soldi, ma stiamo portando avanti le misure per fare ripartire l’Italia”.

“Noto con piacere che lo spread è calato di decine di punti in queste ore, quindi chi sta leggendo attentamente la Manovra si sta rendendo conto che l’economia italiane è sana”, ha detto il ministro dell’Interno Matteo Salvini, in Sardegna per la seconda giornata del suo tour nell’Isola, incalzato dai cronisti sui richiami da parte del Bruxelles per la Manovra italiana.

“Io ho a cuore i risparmi e il lavoro degli italiani, con l’Europa siamo educati e ragionevoli ma senza retrocedere: un conto, infatti, è essere cauti, educati e ragionevoli, un conto è retrocedere. Passi indietro non se ne fanno”, ha detto ancora Salvini rispondendo ai cronisti sulla ‘cautela’ di Di Maio nel confronto con l’Ue sulla Manovra italiana. “E Se Bruxelles continua a dire che la legge Fornero non si tocca, non mi convincerà mai”, ha concluso. (Ansa)