Cronaca dei Carabinieri su Balvano (PZ) , Molfetta , Polignano e Palagianello (TA)

I Carabinieri della Stazione di Balvano hanno deferito in stato di libertà all’A.G. tre persone di origine romena, di età compresa tra i 20 e i 34 anni, residenti nel salernitano, ritenuti responsabili di possesso ingiustificato di chiavi alterate o di grimaldelli in concorso.
Gli stessi, in tarda serata, sono stati sottoposti a controllo da parte dei Carabinieri di Balvano nella zona industriale di Baragiano Scalo (PZ), mentre viaggiavano a bordo di un’autovettura Lancia Libra SW.
Nella circostanza i Carabinieri hanno eseguito una perquisizione personale e veicolare, rinvenendo alcuni grimaldelli di varie dimensioni occultati all’interno del veicolo, oltre ad una mazza da baseball e un martello frangivetro.
Gli arnesi, posseduti ingiustificatamente, sono stati sequestrati mentre i tre soggetti, considerata l’ora e le giustificazioni poco plausibili fornite ai Carabinieri, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Potenza per il predetto reato.
L’attività descritta rientra tra i serrati controlli sul territorio che i Carabinieri del Comando Provinciale di Potenza stanno eseguendo su tutta la provincia anche in arco serale – notturno per contrastare principalmente i reati contro il patrimonio, in particolare i furti in abitazioni e zone industriali, con specifico riferimento alle zone periferiche e rurali, di modo da scongiurare tali attività delittuose.

=================================

Due baresi, già noti alle Forze dell’Ordine, rispettivamente un 40enne ed 27enne residenti nel quartiere Libertà di Bari,  sono stati arrestati dai Carabinieri della locale Compagnia  in esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Bari, su richiesta della locale Procura della Repubblica, per rapina impropria aggravata in concorso.

Il 12 settembre scorso, vero le 16.30, due individui erano stati colti, con le mani nel sacco, dal proprietario di un appartamento in Corso Umberto, mentre dopo aver arraffato diversi oggetti preziosi e denaro contante, si stavano dando alla fuga. Vistisi scoperti, i due malfattori non avevano esitato a spintonare il malcapitato proprietario, procurandogli un vistoso ematoma sulla mano. L’uomo, aveva fatto ritorno a casa, poiché allarmato dalla moglie che, dopo aver parcheggiato la propria autovettura nei pressi della Fiera del Levante, a Bari, nel riprendere il mezzo, alle ore 15.30 precedenti,   si era avveduta che ignoti, dopo aver forzato lo sportello, le avevano sottratto, dal vano cruscotto, il mazzo di chiavi della propria abitazione a Molfetta. La giusta intuizione della donna consentiva al marito di cogliere sul fatto i due topi di appartamento i quali, datisi alla fuga, venivano immortalati, più volte, dalle telecamere a circuito chiuso, sia private che Comunali, presenti sul posto. L’estrapolazione delle immagini utili e le ricerche volte all’identificazione dei malfattori da parte dei militari della Compagnia di Molfetta, consentivano di giungere all’identificazione dei responsabili e di ricostruire l’intera vicenda, fornendo alla Procura della Repubblica di Bari, che ha coordinato le indagini, un quadro indiziario sufficienti ad attribuire ai due baresi le loro responsabilità in ordine al reato di rapina impropria aggravata. Tali risultanze venivano, infatti,  condivise dal Gip del locale  Tribunale, il quale emetteva l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, prontamente eseguita dai militari operanti. 
I due si trovano ora  ristretti  presso la Casa Circondariale di Bari.

=====================================================

I Carabinieri della Stazione di Palagianello (Ta) hanno arrestato, in flagranza del reato di furto aggravato, un 63enne, di Manduria (Ta), con precedenti di polizia.

I militari, durante un mirato servizio finalizzato alla prevenzione ed alla repressione dei reati contro il patrimonio ed in genere, con particolare attenzione nelle aree rurali della giurisdizione hanno sorpreso, in località Conocchiella, agro di Palagianello, il 63enne in possesso di circa 2,5 quintali di agrumi, del tipo arance e mandarini, poco prima asportati da un agrumeto ed occultati nella sua autovettura.

La refurtiva rinvenuta, del valore commerciale di circa 250,00 euro, è stata restituita nell’immediatezza al legittimo proprietario, mentre l’autovettura utilizzata per commettere il reato è stata sottoposta a sequestro.

Il 63enne, dopo le formalità di rito, su disposizione del Pubblico Ministero di turno presso la Procura della Repubblica del capoluogo jonico è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione. 

================================================

 i Carabinieri della Compagnia di Monopoli unitamente a reparti speciali quali il NAS (Nucleo Antisofisticazioni e Sanità) e NIL (Nucleo Ispettorato del Lavoro) di Bari hanno effettuato un servizio straordinario di controlli nell’ambito della Manifestazione Meraviglioso Natale 2018, che si sta svolgendo a Polignano a Mare e proseguirà fino all’Epifania.

Sono state controllate numerosissime attività commerciali nonché imprese che collaborano alla manifestazione, ovvero box per la degustazione di prodotti alimentari, cornetterie, le classiche “casette” allestite per la vendita di gadget o addobbi natalizi. In tutto sono state elevante sanzioni amministrative per quasi 50.000 euro.

Ad esser controllate sono state anche le “tipiche” casette natalizie, adibite a “fast food” o a semplici pasticcerie. In questo caso, i NAS hanno sanzionato per 1.000 euro il proprietario di un noto caseificio della zona, il quale, aveva allestito uno stand per la vendita di formaggi, con un valore complessivo della merce esposta pari a 25.000 euro,  e che commerciava i propri prodotti senza aver presentato la prescritta comunicazione di inizio attività, con la quale il venditore autocertifica di esser in possesso dei requisiti soggettivi ed oggettivi per fare impresa.  Oltre alla sanzione, è scattata la chiusura immediata dell’attività in base alle normative della Comunità Europea sul settore.

Sempre nell’ambito della vendita di prodotti alimentari, il NAS ha sanzionato uno stand dove venivano venduti cornetti e altri prodotti dolciari senza esposizione delle informazioni su allergeni e sugli ingredienti utilizzati; inoltre, i Carabinieri hanno anche riscontrato “evidenti carenze sulla sicurezza igienica e integrità dei prodotti venduti”, in quanto commercializzati senza aver “superato” le procedure di autocontrollo (HACCP). Per i responsabili è scattata una sanzione di 11.000 euro. 

Non sono mancati i controlli dei militari volti al contrasto dello spaccio di stupefacenti, che hanno consentito di identificare nr. 4 assuntori trovati  in possesso di hashish e cocaina e, pertanto, segnalati alla Prefettura di Bari.