Gli studenti della scuola media “Ferrara” di Melfi a scuola con la Polizia di Stato

Gli studenti della scuola media  “Ferrara” di Melfi hanno incontrato personale della Polizia di Stato della Questura di Potenza per riflettere sul tema del bullismo e del cyberbullismo. I due fenomeni, sempre più diffusi nella società, vanno combattuti in modo sinergico. Ed è per questo che l’istituto diretto  dal Dirigente Scolastico Prof.ssa Antonietta IULIANO insieme agli  insegnanti, alla Sezopme di Melfi dell’Associazione Nazionale della Polizia di Stato presieduta dal Cav. Paolo De Leo e alle forze di polizia hanno organizzato due incontri  sul tema della violenza e della prevenzione. Il capo della Squadra Mobile Giuseppe Pontecorvo, insieme ad alcuni suoi collaboratori, si è soffermato a parlare di disagio giovanile, legalità, uso di stupefacenti, violenza di genere, spiegando quali sono i danni e i problemi che, in particolare, il bullismo e cyberbullismo creano, come riconoscerli e fronteggiarli. I ragazzi sono stati invitati a non fare un uso distorto dei social e di internet: le aggressioni possono essere violente, vessatorie, muoversi silenti sulla rete o diventare virali attraverso le chat. Un messaggio chiaro è stato lanciato anche a chi subisce: fondamentale, nei casi più gravi, diventa la denuncia. La vittima non va lasciata sola ma ascoltata e sostenuta. È necessario che chi subisce vessazioni ed insulti racconti alla famiglia e ai propri docenti ciò che subisce, senza paura. L’occasione è servita agli studenti per fare domande sul tema e per discutere del problema. Nel corso dell’incontro sono stati proiettati video sull’argomento.