Per Bonzini, Rettore Università di Bari, l’autonomia preoccupa


Notizia Audio voce Mimmo Moramarco  Vietata la riproduzione podcast news

“Non ho bisogno di ricordarle quanto i finanziamenti per la ricerca e l’istruzione pubblica abbiano intrapreso un viaggio verso alcune zone del Paese che ci escludono dal giocare la partita alla pari. La questione, ancora sospesa, della autonomia differenziata la stiamo monitorando con attenzione e molta preoccupazione”. È un passaggio dell’intervento del rettore dell’Università di Bari, Stefano Bronzini, che in occasione della inaugurazione dell’anno accademico si è rivolto al ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia presente alla cerimonia. “Anche per tale ragione abbiamo pensato e progettato un osservatorio che possa approfondire un tema delicatissimo.
   L’università di Bari – ha detto Bronzini – vuole essere artefice di proposte perché siamo preoccupati, molto preoccupati. Lo siamo noi e lo sono le aziende che lavorano nel territorio. Lo smarrimento è evidente e gli esiti sono quanto mai visibili: c’è ancora un numero troppo alto di abbandoni e di studenti che migrano”. (Ansa)