Morì per ritardo diagnosi, chiesti danni


Notizia Audio voce Mimmo Moramarco  Vietata la riproduzione podcast news

Ritardi nella diagnosi di una malformazione cardiaca congenita, nella cura della patologia e poi dell’infezione polmonare contratta in ospedale dopo la nascita avrebbero causato 15 anni fa la morte di una bambina di 18 giorni di vita, nell’ospedale pediatrico Giovanni XXIII. Sono le conclusioni del perito medico-legale nominato dal Tribunale civile di Bari dinanzi al quale si sta celebrando il processo per ottenere il risarcimento dei danni chiesto dai genitori della bambina che hanno citato in giudizio la Asl di Bari, all’epoca responsabile della struttura. Stando alla perizia, “nel caso di corretta e tempestiva gestione la sopravvivenza (della bambina, ndr) sarebbe stata certamente maggiore e nell’ordine del 90% a 20 anni”. Nei mesi scorsi il giudice ha fatto una proposta transattiva che la Asl ha rifiutato. Ieri si è celebrata l’udienza al termine della quale il Tribunale, che tratta il caso dal 2016, si sarebbe dovuto riservare per la decisione definitiva. L’udienza, invece, è stata rinviata.
    (ANSA).