Dopo 11 anni Marta Ragozzino lascia la Basilicata

Con una lettera aperta, Marta Ragozzino saluta i lucani e la Basilicata dopo 11 anni alla guida della Soprintendenza storica artistica.
Nella stessa lettera ribadisce che sono stati anni bellissimi e che deve tanto ai lucani , con 11 anni che lasceranno il segno . Ricorda quando è arrivata a Matera per dirigere la Soprintendenza storico artistica all’inizio del maggio del 2010, felice, entusiasta ma con i timori che solitamente comporta il cambiamento di vita e la nuova dimensione. La Ragozzino si ritiene fortunata nel trovare una città e una regione pronta ad accoglierla a braccia aperte, con una generosità, una disponibilità e una curiosità che all’inizio non immaginava e la Sua gratitudine è immensa. Oggi , la Ragozzino, è orgogliosa di aver trovato tanti amici e si sente pienamente lucana.

Ha condiviso un lavoro intensissimo, di responsabilità e avventure straordinarie, come nel trasformare case in musei della cultura della comunità e di Matera (e della Basilicata) la Capitale della cultura d’Europa ma, soprattutto, ha sperimentato e praticato un metodo nuovo, inclusivo, attento, democratico. La Ragozzino con commozione ringrazia tutti, per quello che ha potuto imparare da questa esperienza, per l’affetto dimostrato e per gli anni trascorsi entusiasmanti. Ora l’Architetto Annamaria Mauro, che già dirige il Museo nazionale, avrà da domani anche la guida ad interim della Direzione.

Lascia un commento