Ambulanza in ritardo, muore di infarto a #Stigliano #Matera

Colpito da un arresto cardiaco mentre passeggiava in paese. L’uomo – Egidio Marchese, 72enne di Stigliano – si è accasciato intorno alle 18 di lunedì scorso. E’ stato subito assistito da due infermieri specializzati del luogo, che per 10 minuti gli hanno effettuato il massaggio cardiaco. L’ambulanza del 118 era impegnata a Craco. Dopo un’ora e venti è arrivata sul posto un’altra ambulanza, non medicalizzata. Troppo tardi. A denunciare l’accaduto, insieme alla famiglia, l’associazione Nuova Sanità e Benessere, che chiede all’ASM di intervenire per rimuovere le inefficienze dell’ospedale “svuotato – si legge in un comunicato – delle sue funzioni originarie”. La storia riapre l’annoso capitolo di una sanità poco presente sui territori interni della nostra regione. Ed è proprio sulla mancanza di attenzione ai territori montani che punta il dito il sindaco di Stigliano, Francesco Micucci: “E’ un atto di grande viltà dislocare a Pisticci, come accade di frequente, il medico del 118 di Stigliano. La Regione – spiega alla TGR – deve avere il coraggio di investire sulla montagna”. E oggi in un incontro con l’assessore Leone e l’ASM, proverà a dare un seguito alla richiesta, già presentata in Commissione, di trasformare il presidio di Stigliano in ospedale dotato di pronto soccorso.

Voce Mimmo Moramarco

Lascia un commento