Scuola: presidi Puglia,dopo prima settimana dad in 14% classi

A una settimana dalla riapertura delle scuole in Puglia, l’associazione presidi regionale ha fatto un sondaggio sulle assenze per Covid.

Il monitoraggio – precisa l’Anp Puglia – ha riguardato in forma volontaria e anonima 64 scuole distribuite su tutto il territorio regionale (il 10% del totale), 7.766 docenti, 1.805 unità di personale non docente, 335 sezioni di scuola dell’infanzia e 2.547 classi in totale, fra scuola primaria, media e superiore. E’ emerso che, al 15 gennaio, risultava assente e non ancora sostituito il 4,2% dei docenti e il 6,3% del personale non docente; nella scuola dell’infanzia è stata sospesa per 10 giorni l’attività nel 10,7% delle sezioni; negli altri ordini di scuola (primarie, medie e superiori) il 14% sul totale delle classi risulta in dad (intera classe collegata da casa) oppure in ddi (con un gruppo di alunni collegato da casa e il resto in presenza a scuola); nell’11% delle scuole, inoltre, risulta avviata un’attività di vaccinazione in loco per gli alunni.
    “I numeri disegnano, per il momento almeno – dice Roberto Romito, presidente regionale Anp – una situazione nel complesso abbastanza lontana dalle fosche previsioni formulate alla vigilia del rientro anche da parte di autorevoli rappresentanti delle istituzioni, come ad esempio alcuni presidenti di Regione, incluso il nostro”. “Se consideriamo poi – continua – come affermato da diverse autorità sanitarie, che saremmo molto prossimi a raggiungere il picco di contagio e che nella nostra regione si registra un andamento molto buono della campagna vaccinale tra gli alunni ed il personale scolastico, con percentuali al di sopra delle medie nazionali, non è forse azzardato sperare che entro due settimane o tre la situazione possa migliorare senza che si sia dovuto ricorrere, nel frattempo, a misure di sospensione generalizzata delle attività scolastiche in presenza”. 

Voce Mimmo Moramarco

Lascia un commento