Cronaca di Polizia su Bari , Manduria (TA) e Barletta

 

////////////////////////////////////////////////

Era ai domiciliari nella sua abitazione alla periferia di Barletta quando è sceso in strada e ha iniziato a correre sparando colpi di pistola in aria. Per questo Giuseppe Fiorella, barlettano di 36 anni, è stato arrestato per detenzione di arma clandestina e sparo in luogo pubblico, e trasferito nel carcere di Trani.
Nessuno è stato colpito dai proiettili e non si registrano danni. A notare l’uomo mentre sparava sono stati alcuni cittadini che hanno chiamato il 113. All’arrivo degli agenti l’uomo era rientrato a casa ma in corrispondenza del balcone della sua abitazione i poliziotti hanno trovato il bossolo di una cartuccia calibro 9 millimetri, esploso da poco. In casa dell’uomo, poi, gli agenti hanno trovato, nascosta tra i cuscini di un divano, una pistola a salve modificata per sparare cartucce calibro 9, dello stesso tipo ritrovato in strada.
L’arma era senza matricola.

////////////////////////////////////////////////////

Pericolosa installazione di allacci alla rete elettrica per alimentare il palco. Nell’ambito dei servizi disposti in occasione della vigilia del ferragosto, gli Agenti del Commissariato di Manduria, impegnati nei servizi tesi a prevenire l’accensione di fuochi in spiaggia e di qualsiasi altra azione illegale, in località Palmintiello, ricadente nella giurisdizione di Marina di Lizzano, si sono imbattuti in una festa in spiaggia, dove erano intenti a ballare circa 200 giovani.

     L’attenzione dei poliziotti è stata immediatamente attirata da un palco che proiettava fasci di luce installato sulla spiaggia e dalla musica che veniva diffusa da apparecchi acustici ad altissimo volume; il tutto in prossimità della sede stradale.

Individuati gli organizzatori, che nell’immediatezza non sono stati in grado di esibire alcuna autorizzazione circa l’evento, è stato loro imposta l’immediata cessazione della festa e lo spegnimento degli apparati elettrici per la grave carenza dei requisiti di sicurezza, sia per gli stessi giovani che per l’intenso traffico che caratterizza la zona nella notte del ferragosto.

L’evento era stato organizzato su incarico del gestore del bar ubicato sull’altro lato della sede stradale e da cui partivano i cavi dell’alimentazione elettrica, coperti solamente da una semplice canalina. Lo stesso gestore dell’esercizio commerciale, non solo al momento non ha esibito agli Agenti alcuna autorizzazione sulla titolarità dell’esercizio commerciale ma neanche quelle relative all’evento danzante.

Pertanto, considerate le circostanze i poliziotti hanno provveduto a diffidare il gestore e gli organizzatori al ripristino dei luoghi. Intanto, agli stessi, sono state contestate le sanzioni amministrative previste dalla normativa vigente per lo svolgimento di serate danzanti senza autorizzazioni e licenze, aggravato dalla occupazione del suolo demaniale marittimo.

//////////////////////////////

E’ un pregiudicato barese di 43 anni l’uomo arrestato dai poliziotti della Squadra Volante, nell’ambito degli intensificati servizi di controllo del territorio predisposti in occasione della festività di ferragosto.

Ieri mattina il 43enne, unitamente ad un complice, si è introdotto furtivamente all’interno di un appartamento ubicato al quartiere Carbonara di Bari; i due, sorpresi dal proprietario dell’appartamento che stava rientrando in casa, dopo una breve colluttazione, si sono dati alla fuga.

Il tempestivo intervento di una pattuglia della Polizia ha consentito di fermare uno dei due fuggitivi, nonostante un breve inseguimento a piedi conclusosi, anche in questo caso, con una colluttazione scaturita dal tentativo del reo di sottrarsi all’arresto.

Rapina impropria aggravata in concorso e resistenza a Pubblico Ufficiale i reati contestati. Sono in corso indagini per risalire all’identità del complice.